Buon compleanno Ape!

ape-piaggio018-1000x600

Un veicolo pratico e dal design unico, diventato un simbolo del trasporto merci.

Lo storico veicolo Piaggio compie 70 anni, mentre a IAA si preparano ad andare in scena tutte le ultime novità per il trasporto merci.

E’ il 1948 quando sulle strade italiane fa la sua comparsa per la prima volta un veicolo a tre ruote destinato a entrare nella storia: è l’ Ape Piaggio. Simbolo della rinascita economica del dopoguerra, questo mezzo rivoluzionario –progettato dal genio dell’ingegnere Corradino D’Ascanio- viene pensato proprio per il trasporto delle merci. Piaggio infatti, dopo il successo della Vespa come veicolo per la mobilità privata, aveva capito l’esigenza di un mezzo più “da lavoro”, ma che allo stesso tempo fosse piccolo e agile nel traffico cittadino, e in grado quindi di trasportare le merci a domicilio. Il prezzo abbordabile e la facile manutenzione hanno poi fatto il resto: un successo strepitoso, tanto che dopo il primo modello ne sono succeduti molti altri, con modifiche e migliorie che seguissero le esigenze di mercato.

Negli anni infatti viene aumentata la potenza del motore e la portata, l’assetto di guida si trasforma da motociclistico fino ad arrivare ad una vera e proprio cabina di guida, con l’esordio nel 1970 dell’Ape Car, un classico intramontabile con motore due tempi e 220cc di cilindrata che ancora circola sulle nostre strade.

Piaggio con l’Ape è stata in grado di individuare una necessità di mercato e colmarla, con un veicolo pratico e dal design unico che è presto diventato un simbolo del trasporto merci. Da allora molta strada è stata fatta, e le innovazioni in questo settore non smettono di stupire. Ad Hannover, dal 20 al 27 settembre, alla manifestazione espositiva dedicata ai veicoli commerciali andranno infatti in scena tutte le ultime novità legate al trasporto su ruote. Durante questa 67^ edizione di IAA l’attenzione verrà concentrata proprio sull’evoluzione che questi tipi di veicoli stanno subendo e su quali siano le strategie migliori da adottare per renderli sempre più performanti, connessi e automatizzati. Senza dimenticare l’obiettivo green, con veicoli elettrici in grado di integrarsi nelle città del futuro, vera sfida di un settore che trasporta oltre il 70% delle merci nel mondo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 − = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>