L’assistente vocale di Amazon protagonista di un corto horror

image001

Un’immagine tratta dal corto “Whisper”.

Alexa sta per arrivare anche in Italia, e nel frattempo “terrorizza” con una nuova trovata.

Dura solo un paio di minuti, ma grazie a luci e musiche sapientemente studiate, l’effetto è davvero inquietante. Si tratta dell’ultima trovata di Amazon, che ancora una volta riesce a far parlare di sé grazie al corto horror Whisper, diretto dal regista emergente Julian Terry, con protagonista proprio Alexa. L’assistente vocale sveglia nel cuore della notte la padrona di casa (interpretata dalla youtuber americana Michelle Khare) con frasi all’inizio apparentemente sconnesse, ma che si fanno via via sempre più diaboliche e angoscianti rivelando un’oscura presenza.

L’idea, qui declinata in senso horror, nasce però dal fatto che, specialmente negli USA, gli assistenti vocali stanno diventando presenze fisse in tutte le case, rimanendo in ascolto di ciò che viene detto tra le mura domestiche per essere pronti a fornire risposte immediate, ma scatenando d’altra parte numerose polemiche riguardo la tutela della privacy. In Italia queste tecnologie non sono ancora arrivate, ma è solo questione di tempo: entro il 2018 infatti anche noi potremo chiedere informazioni sul meteo e farci gestire il calendario da Alexa. Non saranno invece disponibili da subito skill più complesse già utilizzate nei paesi anglofoni, che dovranno prima essere tradotte in italiano dai vari sviluppatori. 

E di tecnologie legate al machine learning si  è discusso anche nei giorni scorsi a CEBIT, il festival dell’innovazione e della digitalizzazione in scena ad Hannover fino a venerdì. La manifestazione, oltre ad essere stata un’ottima occasione di business per tutti gli addetti ai lavori, è stata anche una piattaforma dinamica per lo scambio di idee grazie a un ricco programma di forum, talks ed eventi. Sono stati moltissimi gli interventi di esperti sugli argomenti più disparati legati alle nuove tecnologie, tra cui ampio spazio è dedicato proprio ai temi dell’AI e della security. 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× tre = 18

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>