REAS, un’altra edizione prossima all’overbooking

image001

Un programma unico nel panorama italiano che offre numerose opportunità di formazione sul campo.

La fiera dell’emergenza accoglie ogni anno sempre più partecipanti, diventando il punto di riferimento per il settore in Italia.

Dal 5 al 7 ottobre il Centro Fiera di Montichiari aprirà i battenti ad un’altra edizione di REAS, il salone dell’emergenza che anno dopo anno si è affermata come la più importante piattaforma italiana del settore. Grazie infatti a un’organizzazione attenta e puntuale, alla partecipazione di Associazioni di volontariato ed Enti e ai numerosi eventi formativi in programma, è diventata ormai un appuntamento imprescindibile per il settore dell’emergenza. E’ da sottolineare che l’edizione 2018 potrà fregiarsi del titolo di fiera internazionale, grazie alla partnership tra Centro Fiera di Montichiari e HF Italy, filiale italiana di Deutsche Messe, organizzatrice di INTERSCHUTZ, la più importante fiera mondiale dell’emergenza.

Non stupisce dunque che la manifestazione abbia raccolto già numerose adesioni da parte di vari espositori e che i posti ancora disponibili siano limitati. Ad attirare maggiormente è il ricco programma di eventi formativi e congressi previsti durante i tre giorni di fiera. Si comincia sabato 6 ottobre dalle 10 alle 13 con un evento formativo proposto dal Co.E.S. Italia (Associazione Nazionale Conducenti Emergenza Sanitaria) che proporrà una visione d’insieme del trasporto pediatrico d’urgenza, toccando tutti i principali aspetti del servizio da un punto di vista sanitario, tecnico e legislativo.

Sempre sabato verrà poi trattato un tema molto attuale applicato all’ambito dell’emergenza con un evento formativo dal titolo “L’uso dei Social Media nell’attività sanitaria: luci ed ombre” promosso da Legnago Soccorso Formazione Sanitaria. Il ruolo della medicina generale nell’emergenza verrà affrontato invece durante due incontri, in programma venerdì e sabato, coordinati da AMFE (Associazione Medici di Famiglia volontari per le Emergenze). L’esperienza sviluppata dai Medici di Medicina Generale durante il sisma dell’Aquila nel 2009 e in Emilia nel 2012 e in altri contesti di emergenza conferma che le prestazioni più richieste all’indomani di una catastrofe coinvolgono soprattutto competenze di Medicina Generale e specialità non strettamente legate all’urgenza.

REAS continua così ad offrire, con un programma unico nel panorama italiano, numerose opportunità di formazione sul campo agli oltre 23.000 operatori professionali e volontari che ogni anno raggiungono da tutta Italia il Centro Fiera di Montichiari.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 1 = quattro

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>