Spazi progettati a regola d’arte

Thonet

Il nuovo showroom della viennese Thonet, che ha recentemente trasferito il suo quartier generale in un ex edificio industriale di Torino.

Il mondo del flooring e dei tappeti offre interessanti spunti per la creazione di ambienti molto suggestivi

Ogni anno architetti, designer e trend setter battono palmo a palmo gli stand di DOMOTEX, la fiera di Hannover dedicata al mondo del flooring e dei tappeti, a caccia di idee e spunti. L’edizione 2019, in programma dall’11 al 14 gennaio, proporrà anche un nuovo tema di ispirazione: CREATE’N’CONNECT, dedicato a progetti che abbiano come filo conduttore la connettività, intesa sia in senso fisico (cioè la possibilità di creare grazie alle pavimentazioni spazi senza soluzione di continuità tra i vari ambienti della casa), sia in senso digitale, sia in senso emozionale.

Una tendenza che sta prendendo piede in tutto il mondo. Molti progettisti si sono affidati agli espositori di DOMOTEX e alle loro idee per creare ambienti decisamente suggestivi. Gli architetti di Gettys Group, per esempio, nel rifacimento dello storico Blackstone Hotel di Chicago hanno puntato per la scenografica Crystal Ballroom su un rivestimento di moquette realizzato dall’azienda egiziana Oriental Weavers, con un disegno che riprende l’effetto di gigantesche onde blu. Di tutt’altro genere i rivestimenti in vinile categoria lusso di Uzin Ttz scelti per il nuovo Allianz Stadion di Vienna, un edificio di 10 mila metri quadrati costruito in soli 17 mesi.

Molto particolare il nuovo showroom della viennese Thonet, che ha recentemente trasferito il suo quartier generale in un ex edificio industriale di Torino. Qui i pezzi classici sono affiancati a quelli contemporanei creati in collaborazione con famosi designer. Per il grande spazio di ingresso sono stati scelti i tappeti di lana artigianali di Galleria Battilossi, la cui innovativa collezione Pattern Mix aveva vinto un Carpet Design Award a DOMOTEX 2017. In questo caso si tratta di tappeti che giocano sulle tonalità del giallo e del beige, e che ben si abbinano quindi alle sedute di Thonet.

amini

Una delle opere realizzate da Amini in collaborazione con la galleria newyorkese R & Company.

Non è passato decisamente inosservato, poi, il progetto espositivo “Woven Forms” realizzato da Amini in collaborazione con la galleria newyorkese R & Company. L’idea è stata quella di realizzare opere artistiche con la tecnica di intreccio dei tappeti, affidando i disegni originali ad abili tessitori indiani e nepalesi. Un’idea partita nel 2017, con una collezione che si è via via ampliata. In tutte le opere – che sono in edizione limitata – è evidente la sinergia tra creazione artistica e realizzazione di altissimo artigianato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× quattro = 32

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>